Prodotti

Benefici del latte materno​

Cosa si intende per latte maturo?

Tempo di lettura: 4 min.

Cosa si intende per latte maturo?

A partire da circa un mese di vita del tuo bambino, il tuo latte materno è completamente maturo. Da quel momento in poi la composizione del latte materno non cambierà molto, a meno che il tuo bambino non abbia bisogno di una protezione aggiuntiva.

Il latte materno inizia a maturare dopo circa due settimane; tuttavia, non sarà completamente maturo fino a quando il tuo bambino non avrà circa un mese di vita. Da quel momento in poi la sua composizione sarà sostanzialmente stabile (non subirà cambiamenti drastici come nel primo mese).

Il latte maturo è vivo

Subito dopo aver raggiunto la maturità, il latte inizia a contenere maggiori quantità di alcuni componenti che proteggono il bambino da infezioni batteriche e virali.{1} Probabilmente non è un caso che questa fase della produzione di latte materno coincida con il momento in cui inizia ad afferrare gli oggetti e a metterli in bocca.

Tuttavia, la variazione più marcata si verifica se tu o il tuo bambino contraete un'infezione. La percentuale di globuli bianchi nel tuo latte, infatti, aumenta rapidamente per combatterla.{2}

Come tutte le fasi del latte materno, il latte maturo è un fluido vivente. Anche se sapessimo esattamente di che cosa è fatto e quale sia il ruolo dei suoi componenti (che gli scienziati stanno ancora studiando), non potremmo ancora copiarlo esattamente, perché il latte di ogni madre è calibrato in base alle esigenze del suo bambino.

"Il latte materno è costituito da componenti che vengono portati al seno nel sangue", spiega il Prof. Peter Hartmann, esperto di produzione di latte materno presso l'Università dell'Australia Occidentale. "Le cellule che producono latte estraggono i componenti di cui hanno bisogno, e sono piuttosto esigenti al riguardo!"

Nutrimento, protezione, crescita e gusto, tutto in uno. Tuttavia, non occorre che tu te ne preoccupi perché il tuo organismo produce la formulazione di cui il tuo bambino ha bisogno.

La differenza tra primo latte e secondo latte

All'inizio di ogni allattamento il latte maturo si presenta più diluito ed è comunemente noto come primo latte (nonostante il Prof. Hartmann preferisca il termine "pre-latte"). Allattando, il latte diventa gradualmente più grasso e viene indicato come secondo latte o "post-latte".

"Il contenuto di grassi dipende da quanto il seno è pieno o drenato", spiega il Prof. Hartmann. "I grassi aumentano durante l'allattamento fino a circa 30 minuti dopo, per poi diminuire man mano che il seno si riempie. La concentrazione di grassi nel pre e post-latte dipende dalla quantità di latte che il bambino ha assunto dal seno. Pertanto, in un momento della giornata il pre-latte potrebbe avere un contenuto di grassi più elevato rispetto al post-latte in un momento diverso.

"Una volta che il latte materno è maturo, la madre fornisce al suo bambino all'incirca la stessa quantità di grassi nell'arco delle 24 ore, indipendentemente dalla frequenza con cui il neonato si alimenta", aggiunge.  

Il latte maturo è ben più di un semplice alimento

Sebbene il tuo bambino debba iniziare a consumare cibi solidi quando ha circa sei mesi, il latte materno può ancora costituire la metà del suo apporto calorico giornaliero (insieme ad altri alimenti) fino al secondo anno di vita inoltrato.{3} Inoltre, il tuo prezioso latte continua a svolgere un ruolo che va ben oltre il semplice nutrimento.

"Crediamo che i mammiferi abbiano iniziato a secernere il latte per proteggere i loro piccoli, e che la funzione nutrizionale si sia successivamente evoluta", spiega il Prof. Hartmann. "Pertanto, la maggior parte dei composti presenti nel latte materno che svolgono un ruolo nutritivo ha anche una qualche funzione protettiva. Questo significa che il latte materno è un alimento di altissimo valore, ma molto complesso da studiare!".

Il Prof. Hartmann riporta alcuni esempi: l'alfa-lattoalbumina, la principale proteina del latte materno, vanta proprietà antibatteriche e aiuta a stimolare il sistema immunitario del tuo bambino.{4} La lattoferrina, una proteina che trasporta il ferro nell'organismo, ha effetti antimicotici.{5} Infine, gli acidi grassi nel latte umano garantiscono proprietà antibatteriche e antivirali.{6}

Intestino, sistema immunitario e sviluppo cerebrale

Tutti i tipi di latte contengono il lattosio; tuttavia, nel latte materno sono presenti anche oltre 200 oligosaccaridi di latte umano.{7} Questi zuccheri complessi aiutano a dare vita a e a proteggere un intestino sano e a sviluppare il sistema immunitario. Nel latte di mucca o in quello artificiale il numero di oligosaccaridi non si avvicina neanche lontanamente a questo, e i ricercatori ne stanno ancora studiando il ruolo.{8}

Analogamente, tutti i tipi di latte contengono grassi, ma la miscela di grassi presenti nel latte umano è particolarmente complessa. Il nostro cervello è più complesso di quello di altri animali e, poiché più della metà del cervello umano è costituita da grassi, è logico che abbiamo bisogno di grassi su misura capaci di contribuire a sviluppare tale complessità.{9},{10}

Gli esseri umani nascono in una fase precoce di sviluppo rispetto ad altri mammiferi, ma durante i primi sei mesi la nostra massa cerebrale quasi raddoppia.{11} Non sorprende, quindi, che i bambini abbiano bisogno di maggiore protezione e di un nutrimento che stimoli l'attività cerebrale durante i primi mesi e anni di vita.

"Il latte materno sarà sempre l'alimento migliore con cui nutrire il tuo bambino rispetto a qualsiasi altro latte che puoi acquistare nei negozi"

Le proteine sono molecole complesse che svolgono molti ruoli importanti per la nostra salute. Alcune fungono da elementi strutturali per la crescita e la riparazione, mentre altre contribuiscono a innescare le reazioni chimiche essenziali che avvengono nel nostro organismo. Il tuo latte materno maturo contiene oltre 1.000 proteine diverse che sostengono il cervello e il sistema immunitario del tuo bambino, oltre ad aiutarlo a crescere.{12},{13}

Inoltre, il latte maturo è ricco di micronutrienti: vitamine, minerali e oligoelementi, dal calcio al cadmio, a sostegno del suo sviluppo e del suo benessere. L'equilibrio di questi cambiamenti nel corso della giornata soddisfa le esigenze del tuo bambino.{14}

Alcuni componenti del tuo latte materno potrebbero sorprenderti. "Il latte maturo ha un alto contenuto di colesterolo e di zuccheri sotto forma di semplice lattosio (carboidrato). Inoltre, la percentuale di proteine è estremamente bassa (costituisce solamente il 7% o l'8% dell'apporto energetico del bambino allattato al seno) rispetto a circa il 12% quando cresce", rivela il Prof. Hartmann. "Non è quello che riteniamo ideale per gli adulti, ma lo è per i bambini, e mostra come il latte materno sia adatto alle loro esigenze specifiche".

Ingredienti del latte materno che non possono essere copiati

Alcuni elementi del latte maturo non possono essere copiati, perché sono una caratteristica unica del tuo organismo. Quasi un terzo dei batteri utili presenti nell'intestino del tuo bambino proviene dal tuo latte materno, e un altro 10% dalla pelle del tuo stesso seno.{15} 

Il latte materno contiene anche cellule staminali, ovvero "cellule miracolose" che possono rinnovarsi e trasformarsi in altri tipi di cellule.{16} I ricercatori stanno ancora studiando il loro ruolo nel tuo latte e nello sviluppo del tuo bambino.

Anche il tuo latte maturo contiene ormoni, tra cui alcuni che aiutano a controllare l'appetito e il modo in cui il tuo bambino trasforma l'insulina.{17} Questo può essere uno dei motivi per cui i bambini allattati al seno hanno meno probabilità di diventare in sovrappeso rispetto a quelli allattati con latte artificiale.{18}

Inoltre, poiché il cibo che mangi influisce sul gusto del tuo latte, il tuo bambino sperimenta ogni giorno sapori diversi (un altro aspetto che il latte artificiale non è in grado di simulare).{19}

"Le differenze tra latte materno e latte artificiale sono enormi. Si potrebbe passare tutto il giorno ad analizzare le differenze tra i vari tipi di latte e le difficoltà nel cercare di produrre artificialmente un latte per i bambini", afferma il Prof. Hartmann. "Per esempio, la concentrazione di sale nel latte di mucca impiegato per realizzare il latte artificiale può essere tossica per i bambini; quindi, quel latte deve essere considerevolmente lavorato".

"Per quanto a lungo continui ad allattare, il tuo latte materno sarà sempre l'alimento migliore con cui nutrire il tuo bambino rispetto a qualsiasi altro latte che puoi acquistare nei negozi o che gli scienziati possono creare in laboratorio. Inoltre, è un modo molto comodo ed economico di alimentare il tuo bambino e offre incredibili benefici per la salute tua e del tuo piccolo".

Quando si tratta di alimentare il tuo bambino, il latte materno è veramente la crème de la crème.

Vuoi saperne di più? Leggi il nostro ebook gratuitoLa straordinaria scienza del latte materno

Bibliografia

1 Gao X et al. Temporal changes in milk proteomes reveal developing milk functions. J Proteome Res. 2012 Jul 6;11(7):3897-907.

2 Hassiotou F et al. Maternal and infant infections stimulate a rapid leukocyte response in breastmilk. Clin Transl Immunology. 2013;2(4):e3.

3 Dewey KG et al. Breast milk volume and composition during late lactation (7-20 months). J Pediatr Gastroenterol Nutr. 1984;3(5):713-720.

4 Lönnerdal B, Lien EL. Nutritional and physiologic significance of α-lactalbumin in infants. Nutr Rev. 2003;61(9):295-305.

5 Andersson Y et al. Lactoferrin is responsible for the fungistatic effect of human milk. Early Hum Dev. 2000;59(2):95-105.

6 Gardner AS et al. Changes in fatty acid composition of human milk in response to cold-like xymptoms in the lactating mother and infant. Nutrients. 2017;9(9):1034.

7 Moukarzel S, Bode L. Human milk oligosaccharides and the preterm infant: A journey in sickness and in health. Clin Perinatol 2017; 44(1):193–207.

8 Jantscher-Krenn E, Bode L. Human milk oligosaccharides and their potential benefits for the breast-fed neonate. Minerva Pediatr. 2012;64(1):83-99.

9 Chang CY et al. Essential fatty acids and human brain. Acta Neurol Taiwan. 2009 Dec;18(4):231-241.

10 TED. TEDWomen: What we don’t know about mother’s milk [Internet]. New York, NY, USA: TED Conferences LLC; 2016. [Accessed 26.03.2018]. Available from www.ted.com/talk/katie_hinde_what_we_don_t_know_about_mother_s_milk/reading-list

11 Dekaban AS. Changes in brain weights during the span of human life: relation of brain weights to body heights and body weights. Ann Neurol. 1978;4(4):345-356.

12 Beck KL et al. Comparative proteomics of human and macaque milk reveals species-specific nutrition during postnatal development. J Proteome Res. 2015;14(5):2143-2157.

13 Lönnerdal B. Infant formula and infant nutrition: bioactive proteins of human milk and implications for composition of infant formulas. Am J Clin Nutr. 2014;99(3):712S-717S.

14 Karra MV, Kirksey A. Variation in zinc, calcium, and magnesium concentrations of human milk within a 24-hour period from 1 to 6 months of lactation. J Pediatr Gastroenterol Nutr. 1988;7(1):100-106.

15 Pannaraj PS et al. Association between breast milk bacterial communities and establishment and development of the infant gut microbiome. JAMA Pediatr. 2017;171(7):647-654

16 Hassiotou F et al. Breastmilk is a novel source of stem cells with multilineage differentiation potential. Stem Cells. 2012;30(10):2164-2174.

17 Savino, F et al. Breast milk hormones and their protective effect on obesity. Int J Pediatr Endocrinol. 2009;2009:327505.

18 Horta BL et al. Long-term consequences of breastfeeding on cholesterol, obesity, systolic blood pressure and type 2 diabetes: a systematic review and meta-analysis. Acta Paediatr. 2015;104(467):30-37.

19 Mennella JA et al. Prenatal and postnatal flavor learning by human infants. Pediatrics. 2001;107(6):E88.

Perché scegliere Medela?

La scienza della cura

Da oltre 60 anni, la nostra azienda si dedica alla scienza di rendere semplice, intuitiva ed efficace la forma più delicata di cura.

Per saperne di più