Prodotti

Gravidanza

Cosa accade al seno durante la gravidanza

Tempo di lettura: 5 min.

Cosa accade al seno durante la gravidanza

Se pensi che il tuo seno abbia smesso di crescere durante l'adolescenza, dovrai ricrederti! Le complesse strutture interne necessarie per nutrire un bambino iniziano a formarsi soltanto durante la gravidanza e, fino a poco tempo fa, non ne conoscevamo neanche il funzionamento. Come cambia il seno in gravidanza

Oltre ad acquistare reggiseni per l'allattamento, potresti non aver prestato grande attenzione al tuo seno durante la gravidanza. Tuttavia, sotto la superficie sono in atto alcuni cambiamenti radicali. Mentre nel tuo utero stanno avvenendo cose meravigliose, anche il tuo seno sta subendo una trasformazione incredibile per prepararsi alla nascita del tuo bambino. Per comprende appieno cosa avviene dobbiamo tornare un po' indietro...

Lo sviluppo del seno durante la pubertà

Il seno cambia costantemente dalla pubertà alla menopausa. A differenza della maggior parte degli altri organi, non inizia a crescere fino a quando gli ormoni rilasciati in pubertà non lo "attivano". Tuttavia, nonostante sembri completamente sviluppato dopo la pubertà, non è ancora maturo.

"Dopo la pubertà, il seno continua a svilupparsi e a ogni ciclo mestruale si aggiunge una piccola quantità di tessuto secretorio [produttore di latte] fino ai 35 anni circa", spiega il Prof. Peter Hartmann, esperto nel campo della scienza della lattazione, presso la University of Western Australia. "Dopo quest'età lo sviluppo si stabilizza e il seno rimane maturo, ma inattivo".

Inoltre, il tuo seno rinnova le sue cellule interne in occasione di ogni ciclo mestruale mensile; ecco perché potresti sentirlo diventare più morbido, sensibile o gonfio nel periodo del ciclo.{1}

Inoltre, potresti sentirlo diventare un po' grumoso durante i primi giorni del ciclo; questo perché si sta preparando a una possibile gravidanza. Quando il tuo corpo si rende conto che non sei incinta, il flusso e riflusso mensile di ormoni ricomincia.{2}

Cambiamenti interni del seno in gravidanza

Questo ciclo si interrompe quando rimani incinta. Dalla fine del primo mese di gravidanza il tuo seno inizia a trasformarsi in un organo produttore di latte.

In questo periodo i dotti lattiferi aumentano in numero e complessità e iniziano a ramificarsi in un sistema di alimentazione sempre più intricato. Contemporaneamente, all'interno del seno iniziano a svilupparsi le cellule produttrici di latte, chiamate lattociti. Inoltre, durante la gravidanza la quantità di sangue che scorre nel seno raddoppia; ecco perché potresti scorgere le vene attraverso la pelle.{3}

"Con l'espulsione della placenta il tuo livello di progesterone inizia a diminuire e la lattazione si avvia".

"È quando rimani incinta che ha realmente inizio lo sviluppo del seno", afferma il Prof. Hartmann. "Al momento del concepimento si attiva la crescita del tessuto secretorio presente nel seno. Il tuo seno presenta dei piccoli rami di ghiandole simili a germogli che quando rimani incinta crescono, formando dei dotti e delle piccole sacche, chiamate alveoli, che hanno il compito di contenere il latte".

Quest'attività all'interno del tuo seno può provocare formicolio, dolore, gonfiore o pesantezza, tutti segni iniziali di gravidanza. Per saperne di più consulta l'articolo In che modo cambia il seno durante la gravidanza.

La struttura del seno in fase di allattamento

Che tu ci creda o no, soltanto di recente i ricercatori hanno scoperto come funziona questa rete di dotti all'interno del seno.

Fino a questo secolo la maggior parte delle conoscenze mediche su come il seno produce latte si basava sugli esperimenti condotti dal chirurgo inglese Astley Cooper nel 1840.{4} Il medico concluse che i dotti conservavano il latte, rilasciandolo attraverso 15–20 aperture nel capezzolo.

Sorprendentemente, soltanto nel 2005 è stato approfondito lo studio di questo processo. La ricerca sostenuta da Medela, di una collega del Prof. Hartmann, la Dott.ssa Donna Geddes e del suo team, ha rivelato che il seno funziona in modo molto diverso.{5} In realtà, i dotti sono dei piccoli tubi, larghi solamente pochi millimetri, che trasportano il latte anziché conservarlo. Il latte viene invece prodotto e raccolto negli alveoli. Queste sacche sono collegate ai dotti da tubi ancora più piccoli, chiamati piccoli dotti.{6}

Il latte rimane nelle sacche fino a quando l'ossitocina non viene rilasciata nel tuo corpo, ovvero quando il tuo bambino inizia a succhiare il capezzolo. Gli alveoli sono circondati da cellule muscolari che si contraggono in risposta all'ossitocina: sono proprio queste contrazioni a spingere il latte attraverso i dotti verso il capezzolo. L'intero processo è conosciuto come "riflesso di erogazione"; potresti percepirlo come un formicolio o un fruscio quando inizi ad alimentare il tuo bambino, sebbene alcune mamme non sentano nulla.{7}

I ricercatori hanno anche scoperto che i capezzoli presentano meno aperture di quanto si pensasse in precedenza: di solito circa nove e a volte soltanto quattro. I dotti devono espandersi di circa il 68% per fare spazio al volume di latte che scorre velocemente fino a questo piccolo numero di aperture.{8}  

"Per tutta la durata dell'allattamento, la struttura e il funzionamento del seno rimangono abbastanza costanti fino a quando il bambino non inizia ad assumere meno latte", spiega il Prof. Hartmann.

Il seno inizia a produrre latte durante la gravidanza

Da circa la metà della gravidanza gli alveoli sono in grado di produrre latte. Fortunatamente, gli ormoni della gravidanza impediscono loro di produrne troppo, altrimenti esploderebbero per quando avviene il parto!{9}

"Senz'altro non gradiresti produrre 800 ml di latte al giorno durante la gravidanza", afferma il Prof. Hartmann. "Per questo, presenti un livello di progesterone più alto per evitare che si attivi la secrezione di latte. In seguito, con l'espulsione della placenta il livello di progesterone inizia a diminuire e si avvia la lattazione". 

Tuttavia, se ti stai chiedendo cosa succede al tuo seno quando smetti di allattare la risposta è che torna allo stato di riposo, ma non subito. "Quando una madre smette completamente di allattare, occorre un po' di tempo perché il seno si "disattivi" del tutto, probabilmente un mese o due", afferma il Prof. Hartmann. "La produzione di latte materno umano impiega molto tempo ad arrestarsi, mentre quella di altre specie è piuttosto veloce".

Alla fine, però, il tuo seno tornerà a essere com'era prima della gravidanza. Successivamente, se rimarrai di nuovo incinta, ricomincerà da capo lo stesso ciclo di crescita e sviluppo.{1}

Vuoi saperne di più? Consulta il nostro ebook La straordinaria scienza del latte materno o leggi il nostro articolo Perché il colostro è così importante?

Bibliografia

1 Hassiotou F, Geddes D. Anatomy of the human mammary gland: Current status of knowledge. Clin Anat. 2013;26(1):29-48. 

2 Reed BG, Carr BR. The normal menstrual cycle and the control of ovulation. In: De Groot LJ et al., editors. Endotext [Internet]. South Dartmouth, MA, USA: MDText.com, Inc.; 2000. [cited 2018 April 13] Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK279054/

3 Geddes DT. Ultrasound imaging of the lactating breast: methodology and application. Int Breastfeed J. 2009;4(1):4. 

4 Cooper AP. On the anatomy of the breast. London: Harrison and Co; 1840. 193 p.

5 Ramsay DT et al. Anatomy of the lactating human breast redefined with ultrasound imaging. J Anat. 2005;206(6):525-534.

6 Geddes DT. Inside the lactating breast: the latest anatomy research. J Midwifery Womens Health. 2007;52(6):556-563.

7 Kent JC et al. Response of breasts to different stimulation patterns of an electric breast pump. J Hum Lact. 2003;19(2):179-186. 

8 Ramsay DT et al. Ultrasound imaging of milk ejection in the breast of lactating women. Pediatrics. 2004;113(2):361-367. 

9 Pang WW, Hartmann PE. Initiation of human lactation: secretory differentiation and secretory activation. J Mammary Gland Biol Neoplasia. 2007;12(4):211-221.

Perché scegliere Medela?

La scienza della cura

Da oltre 60 anni, la nostra azienda si dedica alla scienza di rendere semplice, intuitiva ed efficace la forma più delicata di cura.

Per saperne di più