Prodotti

Come gestire eventuali problematiche

Allattamento al seno con capezzoli piatti, introflessi o con piercing

Tempo di lettura: 7 min.

Allattamento al seno con capezzoli piatti, introflessi o con piercing

La forma e la grandezza dei capezzoli può variare molto da donna a donna. Qualsiasi tipo di capezzoli tu abbia, leggi i nostri consigli pratici per rendere l'allattamento al seno un po' più semplice

I capezzoli della maggior parte delle donne sono sporgenti e diventano più turgidi se stimolati dal tocco o da una sensazione; tuttavia, alcune donne hanno i capezzoli piatti o introflessi e alcune altre hanno uno o entrambi i capezzoli con piercing. Molte mamme con capezzoli piatti, introflessi o con piercing allattano al seno senza alcun problema, mentre altre hanno bisogno di supporto.

"Non farti prendere dal panico se i tuoi capezzoli sono piatti o introflessi, spesso è comunque possibile allattare al seno", rassicura Sioned Hilton, consulente per l'allattamento, infermiera di neonatologia e infermiera a domicilio, che collabora con Medela nel Regno Unito da oltre un decennio. "Ricordati che, quando si alimenta in modo efficace, il tuo bambino si attacca a un'ampia parte del tuo seno e non soltanto al capezzolo".

Tuttavia, nei primissimi giorni, quando la bocca del bambino è ancora molto piccola e la sua suzione è meno efficiente, i capezzoli introflessi o piatti possono creargli delle difficoltà nell'iniziare a succhiare dal seno, soprattutto se il piccolo è nato prematuro o se non gode di buona salute.

"Se è piatto o introflesso, il tuo capezzolo potrebbe non raggiungere il palato nella bocca del bambino e, di conseguenza, non stimolare il suo riflesso di suzione", spiega Sioned. "Ciò potrebbe determinare una difficoltà nell'attacco al seno, o l'impossibilità di mantenere un attacco tale da favorire un trasferimento efficace di latte".

Come sapere se i tuoi capezzoli sono piatti o introflessi

I capezzoli piatti{1} non protendono molto all'infuori rispetto all'areola (la parte scura che li circonda), nemmeno quando stimolati.

I capezzoli introflessi si ritraggono verso l'interno nella parte centrale. Possono avere questo aspetto sempre, o soltanto quando stimolati. A volte si ritirano fino ad arrivare al livello dell'areola, altre volte affondano nel tessuto mammario.

Il problema si può presentare sia su uno sia su entrambi i capezzoli, e si stima che fino al 10% delle neomamme presenti almeno un capezzolo introflesso.{2} Se non sei sicura della forma del tuo capezzolo, prova a effettuare il "test del pizzicotto": comprimi delicatamente il seno posizionando pollice e indice su due lati dell'areola. La maggior parte dei capezzoli sporgerà all'infuori, ma se il tuo si ritira o tende verso l'interno, creando un affossamento, significa che è introflesso.

Preparare i capezzoli introflessi o piatti durante la gravidanza

Potresti notare che, visti i cambiamenti del tuo seno durante la gravidanza, anche i tuoi capezzoli iniziano a sporgere all'esterno. Se non è così e se pensi che la loro forma possa rendere l'allattamento al seno difficile, puoi indossare dei modellatori del capezzolo. Questi dischetti in silicone, morbidi e flessibili, si posizionano discretamente all'interno tuo reggiseno e applicano una leggera pressione sui capezzoli, favorendone la protrusione.

"I modellatori del capezzolo possono essere indossati a partire dalla 32esima settimana di una gravidanza normale", consiglia Sioned. "Inizia indossandoli un'ora al giorno fino ad arrivare a circa otto ore. Se soffri di insufficienza (o incompetenza) cervicale o se sei in altro modo a rischio di parto pretermine chiedi a un consulente sanitario quando sia il momento migliore per iniziare a usarli, perché la stimolazione dei capezzoli può provocare contrazioni.

"Potrai continuare a indossare i modellatori del capezzolo anche una volta che il tuo bambino sarà nato", aggiunge. "Prova a inserirli nel reggiseno dai 30 ai 60 minuti prima di allattare al seno".

"Ho i capezzoli introflessi e, dopo due o tre settimane di tentativi di attacco al seno falliti, ero sul punto di passare al latte in polvere", ricorda Nina, un figlio, dalla Germania. "Chiesi aiuto a La Leche League e un'adorabile signora venne a casa mia e mi incoraggiò a continuare a provare. Mi consigliò di utilizzare i modellatori del capezzolo, che effettivamente aiutarono molto. In qualche modo il mio piccolo iniziò a capire cosa fare! Da quel momento l'allattamento al seno andò benissimo e continuammo fino ai 21 mesi".

Aiutare il tuo bambino ad attaccarsi ai capezzoli piatti o introflessi

Se al tuo bambino piace succhiare il tuo dito ma sembra meno interessato al tuo seno potrebbe significare che, quando si attacca, il tuo capezzolo non raggiunge il suo palato. Potrebbe frustrarsi, allontanarsi dal seno e piangere, o addirittura addormentarsi al seno. Se ciò avviene, chiedi a un consulente per l'allattamento o a uno specialista dell'allattamento di controllare il suo attacco.

Esistono diverse possibili tecniche da adottare appena prima di ogni poppata affinché i tuoi capezzoli assumano una forma a cui il tuo bambino si possa attaccare più facilmente. Sioned consiglia di:

  • ruotare il capezzolo usando pollice e indice in modo da farlo protendere all'infuori
  • comprimere il seno tenendo le dita a forma di "V" o di "C" esternamente all'areola in modo da spingere il capezzolo all'infuori
  • toccare velocemente il capezzolo con una compressa fredda o con un cubetto di ghiaccio per farlo diventare turgido
  • estrarre il latte manualmente o utilizzando un tiralatte per un paio di minuti prima di ogni poppata, in modo da far protendere maggiormente il capezzolo all'infuori

"Ho un capezzolo piatto, ma lo scoprii soltanto notando che Austin aveva difficoltà a succhiare da quel lato", racconta Jennifer, due figli, dal Regno Unito. "Non ho nulla di anatomicamente sbagliato; semplicemente quel capezzolo non si solleva quanto l'altro, rendendo l'attacco al seno un po' più complicato. Prima di allattare da quel lato lo pizzicavo e lo strizzavo un po', e aiutavo il mio bambino a prendere il capezzolo in bocca. Inizialmente fu un po' difficile, ma con il tempo tutto divenne molto più semplice".

Utilizzare un paracapezzolo per facilitare l'attacco del bambino al seno

Se nessuno dei consigli precedenti ha funzionato e il tuo bambino ha ancora difficoltà a mantenere l'attacco al seno, il tuo consulente per l'allattamento o lo specialista dell'allattamento potrebbero suggerirti di utilizzare un paracapezzolo. Si tratta di un pezzo di silicone sottile e flessibile, a forma di capezzolo e dotato di piccoli fori sull'estremità che permettono il passaggio del latte.

Il paracapezzolo offre al tuo bambino un punto di attacco più ampio e più solido e ne stimola il palato, incoraggiandolo a succhiare. I paracapezzoli vengono generalmente considerati una soluzione a breve termine. Nel caso di problemi o dolore parla con il tuo consulente per l'allattamento o lo specialista dell'allattamento, che verificheranno il corretto attacco del tuo bambino con il paracapezzolo in posizione. Dovrai anche monitorare il peso del bambino per assicurarti che la tua produzione di latte si stia sviluppando per soddisfare le sue esigenze.{3}

Con il passare del tempo, quando la suzione del bambino sarà più efficiente e i capezzoli si saranno abituati ad allattare, potresti essere in grado di farlo senza paracapezzoli.

"Ho dei capezzoli piuttosto piatti. Un consulente sanitario mi consigliò di usare dei paracapezzoli con entrambi i miei bambini e funzionarono benissimo", racconta Anne-Sophie, due figli, dalla Svezia. "Per farli aderire alla pelle il mio segreto era inumidirli leggermente sulle estremità".

Allattamento al seno con capezzoli con piercing

Molte donne con i capezzoli con piercing affermano che questa caratteristica non abbia alcun impatto sulla loro abilità di allattare al seno; tuttavia, dovrai comunque rimuovere i piercing prima di allattare, perché potrebbero soffocare il tuo bambino o escoriarne la lingua, le gengive o il palato.

"Avevo un piercing sul capezzolo, ma lo tolsi un anno dopo quando rimasi incinta, perché il mio seno era diventato sensibile", racconta Kellie, tre figli, dal Regno Unito. "Allattai prima mia figlia e poi i suoi due fratelli più piccoli esclusivamente al seno, senza alcun problema. Anzi, il capezzolo forato era quello che preferivano!"

Altre mamme notano delle perdite di latte dai fori del piercing oppure sospettano che le cicatrici del piercing riducano la loro produzione di latte{4}, sebbene le ricerche effettuate su questo argomento siano limitate.

"È impossibile conoscere l'effetto di un piercing sull'allattamento al seno prima che avvenga la montata lattea", spiega Sioned. "Se sei preoccupata, chiedi consiglio a un consulente per l'allattamento o a uno specialista dell'allattamento. Ricorda che, nel caso ci fosse un problema con uno dei tuoi seni, il bambino può comunque ricevere tutto il nutrimento di cui ha bisogno dall'altro seno".

Se non riesci ad allattare al seno con capezzoli piatti o introflessi

Se le hai provate tutte ma proprio non riesci ad allattare al seno, devi trovare un altro modo per nutrire il tuo bambino.

"Ciò che conta è che mamma e bambino siano in salute", afferma Sioned. "Una soluzione potrebbe essere l'estrazione esclusiva, in modo che il tuo bambino possa nutrirsi a ogni poppata con il latte estratto. Altrimenti, puoi provare un sistema di allattamento integrativo, in cui il bambino si esercita a succhiare il latte dal seno mentre viene nutrito attraverso un tubicino con il latte estratto. In questo modo puoi vivere l'esperienza dell'allattamento al seno e stimolare la tua produzione di latte, che a sua volta ti può aiutare a estrarre quantità di latte superiori". 

"Ho i capezzoli introflessi. Dopo l'esperienza disastrosa di allattamento al seno avuta con il mio primo figlio, ero determinata a riuscirci con il secondo", racconta Babettli, due figli, dall'Italia. "Chiesi consiglio ad alcuni esperti e provai modellatori del capezzolo e paracapezzoli, ma senza successo. Alla fine, l'estrazione esclusiva utilizzando un tiralatte ospedaliero elettrico doppio Medela Symphony si è rivelata la scelta migliore. Ho estratto ogni poppata per quattro mesi".

Prendersi cura di diversi tipi di capezzoli

Potresti doverti prendere particolarmente cura dei tuoi capezzoli piatti o introflessi, perché il tuo bambino potrebbe succhiare con maggiore forza e renderli subito dolenti. Per ricevere consigli su come combattere i capezzoli dolenti leggi cura del capezzolo per mamme che allattano al seno

Se i tuoi capezzoli si ritirano dopo aver allattato, l'umidità potrebbe renderli dolenti e aumentare il rischio di infezioni, quali il mughetto. Asciugali dopo ogni poppata prima che si ritraggano di nuovo.

Potrebbe risultare più difficile gestire i capezzoli piatti o introflessi nel caso di ingorgo mammario, che può appiattire temporaneamente anche i capezzoli normalmente turgidi. Leggi il nostro articolo sull'ingorgo mammario per avere qualche consiglio.

La buona notizia è che ripetute sessioni di allattamento al seno o di estrazione possono modificare la forma dei tuoi capezzoli, per cui l'allattamento al seno potrebbe diventare più semplice con il passare del tempo. Il problema potrebbe addirittura scomparire con il secondo figlio, come ha scoperto Leanne, due figli, dal Regno Unito:

"La seconda volta l'allattamento al seno fu un sogno", racconta. "Quasi quattro mesi di estrazione del latte per il mio primo bambino avevano aiutato ad allungare i miei capezzoli piatti e il secondo si attaccò subito senza bisogno di usare paracapezzoli. Ora ha nove mesi e lo allatto ancora".

Bibliografia

1 Pluchinotta AM. The Outpatient Breast Clinic. Springer International Publishing; 2015.

2 Alexander JM, Campbell MJ. Prevalence of inverted and non-protractile nipples in antenatal women who intend to breast-feed. The Breast. 1997;6(2):72-78.

3 McKechnie AC, Eglash A. Nipple shields: a review of the literature. Breastfeeding Medicine. 2010;5(6):309-314.

4 Garbin CP, Deacon JP, Rowan MK, Hartmann PE, Geddes DT. Association of nipple piercing with abnormal milk production and breastfeeding. JAMA, Journal of the American Medical Association. 2009;301(24):2550-2551.

Perché scegliere Medela?

La scienza della cura

Da oltre 60 anni, la nostra azienda si dedica alla scienza di rendere semplice, intuitiva ed efficace la forma più delicata di cura.

Per saperne di più